//WordPress: Categorie e tag: cosa sono e come si usano
  • wordpress: categorie e tag cosa sono e come usarli

WordPress: Categorie e tag: cosa sono e come si usano

Di |2018-06-28T17:09:20+00:0028 Giugno 2018|Usare Wordpress|0 Commenti

Se sei avvicinato da poco al mondo di WordPress avrai notato che di default WordPress ci mette a disposizione Categorie e Tag.

Ma cosa vanno usate le Categorie ed i Tag? Sono la stessa cosa?

Con questo articolo cercherò di aiutarti a capire le differenze ed utilizzare entrambi nel modo corretto.

Categorie e tag per i nostri articoli WordPress

Come forse già saprai, WordPress nasce come piattaforma pensanta per i blog.

Anche oggi WordPress è il CMS ideale per tutte quelle persone che vogliono realizzare il loro blog e cercano uno strumento che sia potente e che sia già pronto all’uso.

Proprio per questa sua natura pensata al blogging WordPress usa di default una suddivisione in categorie e tag dei contenuti.

Molte volte si pensa che siano la stessa cosa ma non è così e capire come usarli, fin da subito, può aiutarti molto in una corretta gestione degli articoli ed anche a livello SEO.

Infatti i motori di ricerca danno molta importanza anche alla gerarchia dei contenuti ed alla loro organizzazione.

Altro aspetto da tenere sempre bene in mente è che un uso corretto delle categorie e dei tag rende estremamente più semplice una consultazione dei tuoi articoli da parte dei tuoi potenziali lettori.

Entrambi i menù, quello relativo alle categorie e quello relativo ai tag, sono parte del menù Articoli. Questo indica che nella gerarchia di WordPress questi due elementi sono strettamente legati agli articoli e fanno parte di un loro sottoinsieme.

Categorie WordPress

Per accedere alle categorie di WordPress dobbiamo andare in Articoli > Caterogie.

Come forse avrai già notato, WordPress quando viene installato crea in automatico una categoria.

A questa categoria di default viene assegnato il nome di “senza categoria”.

Questa categoria è molto importante, per due aspetti:

  • il primo questa categoria è l’unica categoria che non puoi eliminare. Puoi solo rinominarla.
  • quando crei un articolo e non gli assegni nessuna categoria, WordPress in automatico lo andrà ad inserire in quella categoria.

Il fatto che WordPress crei in automatico una categoria e che non ti permetta di eliminarla è un fatto molto emblematico.

Infatti WordPress per poter funzionare correttamente ha bisogno di almeno una categoria per gli articoli.

Le categorie, inoltre, puoi immaginarle come dei grandi contenitori che al loro interno contengono in maniera dinamica dei contenuti.

Le categorie, inoltre, possono anche avere al loro interno delle altre categorie che prendono il nome di sotto categorie.

Categorie e sotto categorie sono i due elementi essenziali che ti permettono di poter andare a conservare i tuoi articoli nella maniera più ordinata e precisa possibile.

L’aspetto delle URL delle categorie sarà simile a : nomedominio.est/category/nome-categoria

Invece la sotto categoria sarà: nomedominio.est/category/nome-categoria/nome-sottocategoria

Come vedi WordPress assegna dei “livelli” ben precisi, quindi anche nei link del tuo blog inerenti ad una sotto categoria ci sarà anche il nome della categoria genitore.

Per quanto riguarda la parola “category” puoi andarla a modificare andando in Impostazioni > Permalink.

Nelle impostazioni aggiuntive, alla voce: “base delle categorie” puoi assegnare un valore a tuo piacimento, esempio: categoria.

Usando invece alcuni plugin legati al SEO, come Yoas SEO, puoi andare a togliere la parola /category dalle URL delle categorie in modo da averi così una URL più corta.

Ti potrebbe interessate: SEO per WordPress: i migliori 10 plugin

Le categorie si possono indicizzare e posizionare molto bene nella SERP di Google, quindi presta molta attenzione alla scelta dei nomi delle tue categorie per sfruttarle al meglio anche a livello SEO.

Tag WordPress

Per quanto concerne i tag WordPress, in fase di installazione, non ne crea.

Questo ti fa subito capire che, a differenza delle categorie, WordPress è in grado di funzionare anche senza l’uso dei tag.

Possiamo tranquillamente creare tutti gli articoli che vogliamo senza avere nessun tag presente sul nostro blog.

Questo, però, va bene a scopo diciamo funzionale invece per lo scopo pratico ti consiglio di usarle.

Anche le tag, come le categorie, rivesto un loro ruolo nella gestione dei contenuti di un blog.

Infatti se prima di ho parlato delle categorie come dei grandi insiemi, dei grandi contenitori di articoli che trattano la stessa tematica i tag possono essere utili per specificare alcuni argomenti.

Provo a farti un esempio:

Se ho un blog che parla di tecnologia molto probabilmente avrò la categoria smartphone, per una gestione migliore dei miei articoli andrò a crearmi delle sotto categorie che sono le varie marche di smartphone.

Quindi avrò una sotto categoria chiamata per esempio LG.

Bene, fin qui sembra tutto ordinato ma allora perché usare i tag?

Semplicemente perché quando parlerò di uno smartphone LG di un determinato modello, tipo G7, non posso andare a creare un ulteriore sotto categoria.

Cioè mi spiego: a livello tecnico si, WordPress mi permette di avere una sotto categoria di una sotto categoria, ma a livello pratico no.

Pensaci bene, se devo creare una sotto categoria per ogni marca di smartphone e la sua relativa sotto categoria per ogni modello, quante categorie mi servono?

La risposta è molto semplice e secca: troppe!

Le categorie sono strumenti per mettere ordine e non disordine, non dimenticarlo mai.

Quindi ecco che mi vengono in aiuto i tag. Posso usare i tag per creare delle “etichette” per i vari modelli.

In questo modo avrò una gerarchia a cui do più importanza alla voce smartphone, subito dopo alle varie marche ed infine con i tag andrò a creare un ulteriore elemento di selezione.

Un utente cliccando su un tag troverà argomenti molto più specifici, non tutti gli smartphone LG ma solo il modello G7 (per restare in tema con il mio esempio).

Categorie e Tag: ordinare i nostri contenuti

Come puoi renderti conto in questo modo i nostri contenuti saranno più ordinati.

Questo vuol dire fornire a Google una mappa dei contenuti più chiara ma soprattutto fornire all’utente quello che cerca in pochi click.

Il giusto mix di categorie e tag ci permette di ordinare anche migliaia e migliaia di articoli in modo estremamente preciso.

Il mio consiglio, infatti, è quello di usarli entrami ma senza abusarne.

Crea solo categorie e tag che realmente andrai ad usare. Una categoria o un tag con un solo articolo non ha senso.

Conclusioni

Con questo articolo spero di averti aiutato a comprendere meglio cosa sono e come si usano le categorie ed i tag di WordPress.

Elementi essenziali per poter organizzare i tuoi articoli in modo ordinato e chiaro, per utenti e motori di ricerca.

Ti ricordo, ancora una volta, che le categorie ed i tag vanno pensanti molto bene e non creati così a caso.

Cerca di avere bene in mente come vuoi ordinare e conservare i tuoi articoli e dopo iniziare a creare le categorie che ti servono.

Man mano che aumentano gli articoli usa i vari tag per andare a creare degli altri contenitori più piccoli ma più specifici.

E tu sul tuo blog quante categorie usi?

Come hai deciso di usare categorie e tag sul tuo blog WordPress?

Lascia, se ti va, un commento.

Articolo scritto da:

Ciao, mi chiamo Giuseppe Musumeci e da oltre 9 anni sono un appassionato del web e di tutto quello che vi ruota attorno. Nel lontano 2009 ho scoperto il mondo dei CMS e quindi anche di Wordpress ed è stato puro amore fin da subito. Con i miei articoli spero di aiutare sempre più persone ad avvicinarsi a questo fantastico mondo.

Lascia Un Commento